festival di musica e parole al femminile

Mostra contenuti secondari Nascondi contenuti secondari

Per assistere alle serate vedi alla pagina "Info prenotazioni".

La nona edizione del festival è dedicata a:

Ella Fitzgerald

nel 100° anniversario della nascita

 

“Alcuni ragazzi in Italia mi chiamano Mamma Jazz.

Mi pare una cosa carina.
Almeno finché non mi chiameranno Nonna Jazz.”

(E.F.)

 

 
Tante le cantanti hanno caratterizzato il ‘900 con il loro talento, però quelle leggendarie sono poche, e lei rientra a pieno titolo in questa élite: Ella Jane Fitzgerald, nota anche come Lady Ella, è stata una cantante statunitense, ed è considerata una delle migliori artiste jazz della storia.


Nacque in Virginia, da una ragazza madre che lavorava come domestica. Si trasferì a Yonkers, sobborgo di New York, ancora una bambina, e li la madre le diede una sorellastra, Frances. Ma la madre morì nel ’32 e lei e Frances andarono da una zia nel quartiere di Harlem. E 'stato lì che venne scoperta, al Teatro Apollo nel 1934, grazie alla vittoria di una Amateur Night, una competizione tra dilettanti. Fu notata da Bardu Ali che convinse Chick Webb, della cui band faceva parte, ad assumerla. Iniziò a cantare nel ’35, e incise con loro alcune canzoni di successo, tra cui A-Tisket, A-Tasket: il suo stile colorato e vorticoso, perfetto per il genere swing, le permise di diventare una stella della musica. Alla morte di Webb nel ’39, l'orchestra continuò con il nome di Ella Fitzgerald and Her Famous Orchestra. Nel ’41 iniziò la carriera solista, abbracciando svariati generi musicali ed esibendosi con i più importanti gruppi e solisti. Negli anni ’50 Ella fu protagonista di una trionfale tournée in Europa e Nord America, con orchestra di Duke Ellington. Anche con Louis Armstrong instaurò un sodalizio che sarebbe sfociato nell'incisione di tre dischi: Porgy and Bess, e due incisioni di standard jazz, Ella and Louis e Ella and Louis Again.
Durante la sua carriera ha lavorato per etichette diverse, ma il più grande successo lo ebbe con le registrazioni fatte con il suo manager, l’impresario Norman Granz, ideatore della grande serie dei Song Book, che dal 1956 al 1964 incise per la Verve Records, tratta dal repertorio delle canzoni dei più grandi compositori americani. Ella ha rivoluzionato il mondo della musica con il suo orecchio assoluto, voce melodiosa e la sua capacità di indimenticabile scat, ovvero l’utilizzo della voce come se fosse uno strumento a percussione . Nel 1960 tenne un concerto leggendario a Berlino, da cui sarebbe stato tratto l'album Ella in Berlin: Mack the Knife di Brecht e Weill, in cui, non ricordando il testo, improvvisò con ritmo e verve, aggiudicandosi un Grammy.
Dopo una lunga carriera, che ha raccolto 13 Grammy Awards, e innumerevoli riconoscimenti, Ella tenne il suo ultimo concerto alla Carnegie Hall nel ’91. Passò a miglior vita per di complicazioni da diabete, nella sua casa di Beverly Hills il 15 giugno 1996.

DOBBIAMO RINGRAZIARE MARILYN MONROE
Non ci sono solo Chick Webb, Louis Armstrong, Norman Granz nella vita di Ella, fu importante anche Marilyn! Negli anni '50 era un onore potersi esibire al Mocambo ad Hollywood. Sinatra ci cantava abitualmente ed era frequentato da personaggi come C. Gable, C. Chaplin, H. Bogart. Ella non poteva accedere all’esclusivo locale solo per discriminazione razziale; Marilyn contattò il proprietario e disse che voleva ascoltare Ella al Mocambo: se l’avesse scritturata, lei avrebbe prenotato un tavolo tutte le sere, proprio di fronte al palco. L'uomo accettò e quegli show permisero ad Ella di farsi conoscere dignitosamente e iniziare la sua gloriosa carriera.

ELLA FITZGERALD CHARITABLE FOUNDATION
La Fondazione fu creata e finanziata nel 1993 da Ella stessa, al fine di soddisfare il suo desiderio di utilizzare i frutti del suo successo per aiutare senza discriminazioni persone bisognose. Oltre ad interventi di prima sussistenza, era desiderio di Ella favorire le vocazioni alla lettura, così come per la musica. L’attuale Consiglio di Amministrazione conferma la linea originaria, elargendo borse e beneficenza in quattro aree d’interesse: 1) istruzione e opportunità per l’infanzia; 2) assistenza a studenti di musica indigenti; 3) assistenza sanitaria, cibo, e consulenza a persone bisognose; 4) assistenza medica e di ricerca, con particolare attenzione al diabete, vista e malattie cardiache.

http://www.ellafitzgeraldfoundation.org/